Le Fanfullicchie, riccioli di ricordi

fanfullicchie lecce
Image

Le Fanfullicchie, riccioli di ricordi

Una favola dolce come le caramelle

testo di fantasia liberamente ispirato a una storia vera / scritto da Federica Lanferdini


Image

C’era una volta Franco, che tutti chiamavano Franchino e il carretto dei gelati. Il suo ricordo è denso di tenerezza, perché era un’istituzione e il suo nome ha il sapore dell’infanzia per molti a Lecce. A lui si attribuisce la creazione delle Fanfullicchie, riccioli di zucchero che vendeva nei pressi del cimitero proprio nel periodo dedicato alla commemorazione dei defunti, con l’intento di tenere buoni i bambini durante la visita.

Ecco una piccola favoletta, liberamente ispirata a questa storia, da leggere ai nostri bambini per raccontare loro un bel pezzo della storia di Lecce.

Gelati e Fanfullicchie

«Gelati al limone, vero limone genuino fatto a casa.
Correte bambini, correte».

Con il suo carretto, ecco arrivare Franchino il gelataio.
Tutto un luccichio di sorrisi e occhiolini.

«Io voglio il limone», disse Lucia.
«Io voglio il cioccolato», disse Giacomo.
«Io voglio l’arcobaleno», disse Gaia.

«L’arcobaleno? Bene… allora hai fatto la brava!» Disse Franchino.
«L’arcobaleno è il gusto per i bimbi buoni, allegri e generosi.
È magico, lo sai?»

OOOOOOOOoooooh dissero i bambini in coro.

«All’inizio è bianco, come il limone.
Se il bimbo con il cono in mano è stato bravo, diventa tutto colorato come l’arcobaleno.»

«Ma allora sono stata brava!» Disse Gaia dai millecolori.
E come d’incanto, una cascata di riccioli di zucchero caddero dall’alto.

«Cosa sono?» Chiesero i bambini in coro.
«Sono Fanfullicchie», disse Franchino il gelataio. «Le mie caramelle speciali, da mangiare tra monumenti e ricordi in compagnia dei nostri cari.»

Approfondimenti

Ti piace questa favola? Puoi scaricare il pdf e leggerla ai tuoi bambini! Eccolo qui.


Potrebbe interessarti anche